fbpx

Emergenza sanitaria. Norme più stringenti dal Ministero della Salute. La sindaca Di Medio: «rispettate le regole!»

«È necessario fare ancora di più per contenere il contagio. Garantire un efficace distanziamento sociale è fondamentale per combattere la diffusione del virus. Il comportamento di ciascuno è essenziale per vincere la battaglia».

Così il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha commentato le nuove restrizioni valide da oggi, 21 marzo, in tutta Italia per contrastare e contenere il diffondersi del virus Covid-19.

Nella serata di ieri, il Ministro Speranza ha firmato un’ordinanza che stabilisce misure ancora più restrittive che avranno validità fino a mercoledì 25 marzo.

Ecco, nel dettaglio, le misure varate dal Ministero della Salute:

  • è vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici;
  • non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto; resta consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona;
  • sono chiusi gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all’interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto da consumarsi al di fuori dei locali;
  • restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro;
  • nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o seguono tali giorni, è vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza.

Con propria ordinanza, la sindaca Di Medio aveva già chiuso giardini pubblici e parchi di Cassano delle Murge.

La prima cittadina è in continuo contatto contatto con i cassanesi che, quotidianamente, invita al rispetto delle regole sul proprio profilo Facebook e attraverso il messaggio diffuso attraverso gli altoparlanti della protezione civile.

L’invito è sempre lo stesso: «bisogna restare a casa!». La stragrande maggioranza dei cassanesi sta rispettando le regole imposte dal Governo, ma c’è sempre qualcuno che, ostinatamente, continua ad avere comportamenti pericolosi per sé e per gli altri. Categorico il richiamo della sindaca Di Medio: «per colpa degli idioti che non sanno rispettare le regole e che hanno voluto fare i furbetti e i gradassi, superman refrattari alle leggi e alle norme del vivere civile, il Governo HA DOVUTO limitare ancora di più le nostre residue libertà. GUAI A CHI SI LAMENTA!!! BISOGNA STARE A CASA!! LE SANZIONI SONO DI TIPO PENALE!!  È vergognoso che per fare i comodacci propri si metta a repentaglio la vita degli altri oltre che la propria».