fbpx

Festa dei Lettori 2013: dalla “cultura del libro” alla “cultura dell’ambiente”

di Annarita Mastroserio

gli alunni dell'Istituto Comprensivo "Perotti-Ruffo" al Cinema "Vittoria" per la Festa dei Lettori 2013 (foto di Annarita Mastroserio)
gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Perotti-Ruffo” al Cinema “Vittoria” per la Festa dei Lettori 2013 (foto di Annarita Mastroserio)

La Festa dei Lettori 2013 ha raggiunto oggi, sabato 28 settembre, la nona edizione con la ‘versione’ cassanese intitolata «L’isola ecologica: un libro non si “rifiuta” mai. Dall’ecologia della gente all’ecologia della mente». A Cassano, la manifestazione, è curata dai Presidi del Libro, guidati da Gaetano Grasso, con la collaborazione del Comune di Cassano delle Murge, dell’Istituto Comprensivo “Perotti-Ruffo”, del Liceo Scientifico-Classico “Leonardo-Platone”, del Cinema “Vittoria” e della casa editrice “Messaggi Edizioni”.

Anche il nostro paese, come il resto d’Italia, ha festeggiato la “cultura del libro” mettendo in primo piano i progetti, i video, le esibizioni e le letture dei ragazzi.

Durante la prima parte della mattinata i bambini della 5ª D (Scuola Primaria) e della 2ª C (Scuola Secondaria di Primo Grado), accompagnati dai docenti, hanno fatto bella mostra dei propri lavori presso la sala del Cinema Vittoria che, gentilmente, il proprietario Donato Cosmo, ha messo a disposizione.

Gaetano Grasso, voce dei Presidi del Libro di Cassano, ha colto l’occasione per sottolineare l’importanza dell’apprendimento tramite la lettura (senza dimenticare gli e-book con cui i ragazzi sono sempre più a stretto contatto a scuola) e la decisione di intitolare la manifestazione «L’isola ecologica: un libro non si “rifiuta” mai» dettata dalla necessità di fare della cultura sempre meno un’isola, distante dal resto del mondo, rendendola sempre più parte integrante della vita di tutti i giorni. Da cui anche la scelta della location, il cinema, che non deve rimanere solo luogo di ‘divertimento’ ma anche di cultura.

Al tema della ‘cultura della lettura’ s’è affiancato quello della ‘cultura dell’ambiente’. L’assessore all’ambiente, Carmelo Briano, ha colto l’occasione per mettere al corrente i ragazzi del processo di evoluzione, messo in atto finalmente anche nel nostro paese, che ci ha fatto approdare alla raccolta differenziata. L’assessore ha sottolineato quanto, spesso, «la presenza di buste di immondizia abbandonate per strada sia una questione soprattutto di ‘cultura’, perché i rifiuti che vengono abbandonati in qualche modo ritornano sempre inquinando i prodotti della terra, le falde acquifere, recando danno a tutti».

Infine, l’assessore Briano ha colto l’occasione per incoraggiare i bambini, che meglio apprendono le nuove informazioni, a correggere i genitori ‘un po’ distratti’ qualora non eseguano correttamente la raccolta differenziata.

Spazio quindi ai lavori dei bimbi di 5ª D della Scuola Primaria che si sono esibiti in un balletto sulla colonna sonora di “La raccolta differenziata” di Jacopo Ratini, nell’alfabeto del riciclaggio (mentre alle loro spalle scorrevano le diapositive dei disegni realizzati per l’occasione), ed infine un piccolo stralcio del saggio realizzato lo scorso anno.

All’esibizione, accolta dagli applausi degli alunni ‘più grandi’ della scuola media, è seguita la proiezione del “TG Acqua” (sulla composizione dell’acqua e sul suo uso eccessivo), e del video “Il riciclo” realizzati dagli alunni della 2ª C della Scuola Secondaria di Primo Grado.

Terminate le proiezioni i bambini sono tornati in classe mentre, presso l’Isola ecologica della Zona Industriale, i ragazzi del Liceo Leonardo-Platone hanno letto brani tratti da “Nuova Atlantide” di Bacone, “Elogio alla follia” di Erasmo da Rotterdam, “Pensieri” di Leonardo Da Vinci, “Itaca” di Kostantinos Kavafis, “Dieci piccoli indiani” di Agatha Christie, “Mille splendidi soli” di Khaled Hosseini, “La solitudine dei numeri primi” di Paolo Giordano, “Novecento” di Alessandro Baricco, “Jane Eyre” di Charlotte Bronte, “Dove andiamo papà?” di Fournier, “Il profeta” di Gibran e “Giulietta e Romeo” di William Shakespeare.

Presente per l’occasione anche il sindaco Maria Pia Di Medio che, dopo aver ascoltato le letture dei ragazzi, ‘a sorpresa’ ha voluto leggere un passo tratto dal libro “Sporca storia” di Ruggiero Maria Dellisati, raccontando poi l’assurda vicenda dell’isola di plastica che, nata dall’accumulo di immondizia (soprattutto plastica) attualmente galleggia nel Pacifico inquinando, tramite fotodegradazione, i pesci e i mari.

«Se in passato» ha sostenuto il sindaco «i rifiuti erano nelle mani della malavita, ciò non è più possibile perché i rifiuti hanno codici e vengono seguiti lungo tutto il processo di smaltimento».

Infine, anche Gaetano Grasso ha letto alcuni passi del libro “Un nido tra le stelle. Al Dio del Giubileo” di Nino Cellupica edito dalla Messaggi edizioni, casa editrice cassanese che promuove gli scrittori del meridione.