fbpx

GiardiLeo senza pace: ancora un atto vandalico. Legambiente: «è questa la Cassano che ci meritiamo?»

un frame dal video pubblicato da Legambiente – Cassano delle Murge su Facebook

È davvero senza pace il GiardiLeo, l’area verde attrezzata con una free library in piazza Garibaldi dal Leo Club e da Legambiente di Cassano delle Murge.

Un vero e proprio “bollettino di guerra”, lo definiscono i volontari ambientalisti nel denunciare l’ennesimo «atto vandalico da parte di ignoti che hanno distrutto l’interno della Little Free Library, in pieno centro, a distanza di pochi giorni dal principio di incendio di una siepe e pochi mesi dalla targa danneggiata e poi rimossa.

È questa la Cassano che ci meritiamo?», scrivono da Legambiente in una video-denuncia pubblicata su Facebook: «si tratta dell’ennesimo fatto grave all’interno di questa area verde recuperata e ora laboratorio di buone pratiche».

Legambiente, però, non intende darla vinta a vandali e incivili: «non fermeremo la nostra azione di sostegno per far diventare il GiardiLeo un simbolo concreto di come si può e deve portare avanti il cambiamento sul territorio – si legge nel post – ma chiediamo un impegno concreto da parte delle Istituzioni per fermare quest’ondata di gesti vili ed intimidatori attraverso l’attivazione di quel imponente e certamente costoso sistema di videosorveglianza che da tempo sovrasta la villa comunale oltre alla stesura di un decalogo con multe severe da applicare con forza ai pochi incivili che non rispettano le regole ma tengono in ostaggio la Bellezza di un’intera comunità».

Azioni più volte richieste dall’associazione ambientalista cassanese e che si rendono ancor più necessarie vista l’assoluta mancanza di rispetto per il proprio territorio e, a questo punto possiamo affermarlo, per se stessi che alcuni cittadini dimostrano. «Azioni necessarie e non certo umilianti e offensive – continuano da Legambiente – specie, se i proventi derivanti dalle suddette sanzioni possono essere destinati al miglioramento di servizi e spazi di NOI cittadini civili: tolleranza zero a garanzia del decoro e pulizia della città».

Infine l’appello ad associazioni e movimenti cittadini cassanesi «affinché non si isolino in singoli progetti di valorizzazione di aree e beni culturali ma si uniscano e facciano rete con tutti i volontari attivi sul territorio per il raggiungimento di un obiettivo comune in cui inserire tutte le azioni per far rinascere e rivivere Cassano.

Insomma contiamoci e uniamo le forze.

In queste ore i nostri volontari stanno ripulendo l’area in attesa di ulteriori decisioni e interventi».