Il futuro è nelle loro mani: la parola, su ciò che sarà il domani, passa ai bambini! Saranno loro infatti i protagonisti dell’evento “Il futuro lo creiamo noi!”, un laboratorio di creatività riservato a bambini dai 10 ai 12 anni, e promosso dal Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Albania-Montenegro per celebrare la “Giornata Europea della Cooperazione 2018”.

L’iniziativa si è svolta domenica 28 ottobre dalle ore 15.30 alle 17.00 a Lecce (ex Monastero dei Teatini), nella cornice del Festival “Conversazioni sul futuro”, sezione Education.

Un laboratorio di creatività per immaginare il mondo che i bambini vorrebbero, organizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Lecce e le scuole del territorio, e riservato ad alunni di quinta elementare e prima media.

Istituita nel 2011 per incoraggiare riflessioni e disseminare buone prassi tra i paesi impegnati in progetti di cooperazione territoriale, la Giornata Europea della Cooperazione, che cade il 21 settembre, rappresenta ormai per i Programmi Interreg un’occasione preziosa per promuovere iniziative a tema, nelle settimane precedenti e successive.

“Coloriamo assieme il nostro futuro” è il motto dell’edizione 2018, e proprio la creatività è stata la parole chiave del laboratorio, curato dall’associazione Fermenti Lattici, in cui i bambini guarderanno al futuro dal loro punto di vista, creando nuovi scenari possibili.

I lavori prodotti dai bambini, esposti poi nella Biblioteca dei Teatini, saranno la trama preziosa nelle cui pieghe si potrà leggere il presente e progettare il futuro: quello che non funziona e quello che manca, ciò che è da migliorare o da trasformare, ciò che è ancora da inventare. E per farlo si può e si deve deciderlo adesso, tutti insieme.

“La scelta di Lecce come città nella quale celebrare la Giornata Europea della Cooperazione 2018 è un riconoscimento importante – dichiara l’assessore alla Pubblica istruzione, Europa e Cooperazione internazionale del Comune di Lecce Patrizia Guida – Noi lo faremo con una manifestazione che ha l’obiettivo di avvicinare i bambini all’idea europea, perché riteniamo importante che l’Europa e il Mediterraneo vengano pensati dai bambini come spazi di collaborazione”.

Fonte: Europuglia