fbpx

Il Parlamento europeo nel 2019: attività legislativa e nuovo mandato

Le elezioni europee di maggio hanno diviso il 2019 a metà per il Parlamento: la prima si è concentrata sull’adozione di leggi, la seconda sull’inizio del nuovo mandato.

Normative fondamentali

Prima delle elezioni europee di maggio i deputati hanno lavorato per approvare nuove leggi su una serie di questioni tra cui plastica monouso, sicurezza stradale e diritto d’autore.

Il Parlamento ha approvato i requisiti per ulteriori riduzioni delle emissioni di gas serra per le nuove categorie di automobili, furgoni e autocarri.

I deputati hanno inoltre approvato il divieto di vendita di plastica monouso come forchette, piatti e cannucce a partire dal 2021, nel tentativo di ridurre l’accumulo di rifiuti di plastica sulle spiagge e nei mari.

A seguito di una votazione nella plenaria di aprile, a partire dal 2022 tutti i nuovi veicoli dovranno essere dotati di dispositivi di sicurezza, quali l’assistenza intelligente alla velocità, per prevenire incidenti stradali.

Durante tutto il 2019 il Parlamento ha seguito da vicino gli sviluppi relativi alla Brexit e ha approvato una serie di misure volte a mitigare il rischio di un eventuale ritiro del Regno Unito senza un accordo.

I deputati hanno anche votato per rafforzare l’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera dotandola di un corpo permanente di 10.000 guardie entro il 2027.

Una nuova direttiva sul diritto d’autore mira a garantire la tutela dei diritti dei creativi e degli editori di notizie sia online che offline.

Le persone anziane e quelle con disabilità godranno di un migliore accesso a vari servizi e prodotti come sportelli bancomat, smartphone e biglietterie automatiche, grazie a una nuova direttiva che ha introdotto ulteriori requisiti per l’accessibilità.

Il Parlamento ha inoltre approvato norme che garantiscono la protezione a livello europeo degli informatori che denunciano violazioni della legislazione UE.

Più avanti nell’anno, i deputati hanno bloccato una proposta della Commissione sulle norme che proteggono le api dai pesticidi in quanto erano state rese meno efficaci dagli stati membri.

Nuovo Parlamento e nuova Commissione

Le elezioni europee di maggio hanno visto l’affluenza più alta degli ultimi 20 anni: più della metà dei cittadini UE si è recata al voto. Le elezioni hanno inoltre portato alla nascita di un nuovo Parlamento europeo e una nuova Commissione europea.

A luglio, gli eurodeputati hanno eletto David Sassoli presidente del Parlamento e Ursula von der Leyen presidente della Commissione.

Le audizioni dei commissari in autunno hanno dato ai deputati la possibilità di valutare l’idoneità dei candidati a far parte dell’organo esecutivo dell’UE. Tre candidati non sono riusciti a ottenere il sostegno delle commissioni che li hanno esaminati e sono stati sostituiti. Nel mese di novembre l’intero gruppo di commissari è stato finalmente approvato durante una votazione in plenaria.

Premi

Il Parlamento ha assegnato il Premio Sacharov per la libertà di pensiero a Ilham Tohti, un attivista imprigionato per la sua lotta per i diritti della minoranza uigura in Cina. Il vincitore dell’edizione 2018 del premio, il regista ucraino Oleg Sentsov, è venuto in Parlamento a novembre per ritirare di persona il suo premio dopo il suo rilascio da parte della Russia in un accordo di scambio di prigionieri.

L’edizione 2019 del Premio cinematografico LUX del Parlamento è stata vinta da Teona Mitevska con il film “Dio è donna e si chiama Petrunya”.

Fonte: Parlamento europeo