fbpx

Il sogno continua: l’Atletico Cassano è in finale play off!

di Vito Surico

a fine partita esplode la festa dei tifosi cassanesi, giunti in tantissimi al PalaSantaFilomena di Chieti, con i giocatori dell’Atletico Cassano (foto di Alessandro Caiati)

Il meglio deve ancora venire! Sono anni, ormai, che l’Atletico Cassano ci ha abituato a fortissime emozioni: e anche ieri, in una partita sulla carta senza nulla da dire dopo lo strepitoso 7-0 della gara d’andata, i “pellicani” si sono resi protagonisti di una prova gagliarda e di carattere sul campo di una Tombesi C5 ferita nell’orgoglio.

Gli uomini di mister Parrilla si sono imposti per 4-3, nello splendido PalaSantaFilomena di Chieti, sede dei campioni dell’Acqua&Sapone, nella semifinale di ritorno dei play off di Serie A2, legittimando di fatto l’accesso alla finale per la promozione nel gotha del futsal italiano.

Una partita maschia e gagliarda, con l’avversario che non ha mollato un centimetro ma che ha visto i biancocelesti portarsi avanti e condurre sempre i giochi complici un’ottima difesa e un Dibenedetto stratosferico.

Ora si può continuare a sognare: in finale c’è il Mantova Calcio a 5 che, ieri, ha rimontato il 4-1 della gara d’andata, battendo 8-2 il Città di Sestu.

Gara-1 della finale play off si giocherà sabato prossimo, 18 maggio, al PalAngelillo. Gara-2 in Lombardia, il 24 o il 27 maggio.

LA PARTITA

Oltre 50 i tifosi che hanno seguito l’Atletico Cassano a Chieti e non sono stati delusi dai propri beniamini che sono scesi in campo con Dibenedetto, Caio, Manzalli, Pina e capitan Cutrignelli.

Come prevedibile, la Tombesi parte all’attacco a testa bassa: è di Lara il primo sussulto della gara con Dibenedetto chiamato subito a deviare in angolo. Poco dopo il portiere cassanese si oppone a Silveira, pescato in area da Pizzo.

autore di una doppietta all’andata, Manzalli sblocca la gara in casa della Tombesi C5, sfruttando una ribattuta di Berardi su tiro di Pina (foto di Alessandro Caiati)

Al primo tentativo, però, è l’Atletico Cassano a sbloccarla in un fulminante tre contro uno: Caio conquista palla nella propria metà campo, serve Pina che calcia ma Berardi respinge corto sui piedi di Manzalli che, solo, non può fallire. È subito delirio tra i tifosi cassanesi che vedono i ragazzi di mister Parrilla insistere con Cutrignelli che lancia Moraes che, però, si fa ipnotizzare dal portiere abruzzese che, poco dopo, nega il gol anche ad Alemão Glaeser.

Zanella cerca di tenere accese le poche speranze di qualificazione per i suoi, ma Dibenedetto non ha nessuna intenzione di far passare il pallone. Manzalli incrocia dalla destra e vede il pallone spegnersi sul fondo. Il solito, mostruoso, Dibenedetto respinge i tentativi di Peric (da due passi) e Pizzo che ci prova da fuori area sugli sviluppi di un calcio di punizione.

Ed è proprio da calcio da fermo che l’Atletico Cassano trova il raddoppio: chirurgico tiro di Moraes che aggira la barriera, passa tra le gambe di Berardi e si spegne in fondo al sacco. Sulle ali dell’entusiasmo Cutrignelli prova il “lob” a incrociare dalla sinistra, senza fortuna.

Dall’altra parte Pina, sulla linea, sventa un tentativo di Peric e Ricci opta per il portiere di movimento con Silveira al posto di Berardi. La mossa, inizialmente, premia l’Atletico Cassano che trova il gol del 3-0 con Alemão Glaeser, implacabile nell’insaccare a porta vuota dalla propria metà campo. Ma la Tombesi insiste con Pizzo e Silveira che mettono alla prova i riflessi di Dibenedetto che, però, nulla può proprio sul capitano degli abruzzesi che, ben appostato sul secondo palo, accorcia le distanze a due minuti dalla fine del primo tempo.

La Tombesi continua ad attaccare e ottiene anche un tiro libero che Pizzo calcia alle stelle e a poco meno di un minuto dal suono della sirena va nuovamente in gol con Zanella che sfrutta una ribattuta corta di Dibenedetto su un tiro dalla distanza del solito Pizzo.

Leo Moraes, autore di una doppietta, è andato in gol nel primo tempo su calcio di punizione e nella ripresa sfruttando un millimetrico assist di Dibenedetto (foto di Alessandro Caiati)

In avvio di ripresa la musica non cambia: l’Atletico Cassano ha la prima occasione con Cutrignelli che ci prova senza fortuna da centrocampo. La Tombesi attacca con il “power play”: Restaino prima, Burato poi ricoprono il ruolo del portiere di movimento. È un assalto ai pali difesi, con maestria, da Dibenedetto che si oppone a tutto e tutti e, al 7’, regala anche un millimetrico assist a Moraes che controlla, si gira e porta l’Atletico Cassano sul 4-2.

La Tombesi continua ad attaccare ma per gli abruzzesi non c’è storia: i “pellicani” vogliono la vittoria per legittimare il successo dell’andata. Vogliono regalare l’ennesima gioia ai propri tifosi e resistono agli assalti degli abruzzesi con spirito di sacrificio e determinazione. Dibenedetto, stremato e con i crampi, lascia il campo a Casati che fa il suo spegnendo le ultime velleità della Tombesi.

L’Atletico Cassano, da par suo, continua a provarci in contropiede con Caio, Cutrignelli (che sfiora il palo di testa su lungo lancio di Casati), Pina e Manzalli.

Con la festa che esplode sugli spalti, a tre secondi dal suono della sirena, la Tombesi trova il gol del definitivo 4-3 con un tocco sotto porta di Lara.

Poi la gioia dei tifosi cassanesi echeggia forte nel PalaSantaFilomena. È un sogno: l’Atletico Cassano vede la Serie A. Mancano 80 minuti, i più lunghi e difficili della stagione. Ma c’è un paese intero che sogna. Che vuole toccare il punto più alto della propria storia sportiva.

TOMBESI C5 – ATLETICO CASSANO 3-4 (pt 2-3)

TOMBESI C5: 6. Di Risio; 7. Burato; 8. Pizzo; 9. Silveira (Cap.); 10. Di Matteo; 11. Zanella; 17. Lara; 18. Peric; 22. Di Rienzo; 23. Sanchez; 32. Berardi; 34. Restaino. Allenatore: Antonio Ricci

ATLETICO CASSANO: 1. Dibenedetto; 6. De Cillis; 7. Caio; 8. Lopane; 10. Cutrignelli (Cap.); 13. Manzalli; 20. Volarig; 21. Pina; 23. Casati; 26. Pellecchia; 27. Alemão Glaeser; 70 Moraes. Allenatore: Pablo Parrilla

ARBITRI: Daniele Intoppa di Roma, Alessandro Ribaudo di Roma e Davide Sallese di Vasto (cronometrista)

MARCATORI: 3’34’’ pt Manzalli (AC) – 12’32’’ pt Moraes (AC) – 14’34’’ pt Alemão Glaeser (AC) – 17’52’’ pt Silveira (T) – 19’02’’ pt Zanella (T) – 7’06’’ st Moraes (AC) – 19’56’’ st Lara (T)

AMMONITI: 8’33’’ pt Pizzo (T) per proteste – 18’08’’ pt Caio (AC) per gioco scorretto – 19’16’’ pt Silveira (T) per proteste – 7’02’’ st Peric (T) per proteste – 7’02’’ st Dibenedetto (AC) per proteste – 7’02’’ st Moraes (AC) per proteste – 7’02’’ st Lara (T) per proteste – 18’03’’ st Berardi (T) per gioco scorretto – 18’29’’ st Burato (T) per gioco scorretto

NOTE: 18’09’’ pt Pizzo (T) calcia alto un tiro libero

un Dibenedetto sontuoso è stato protagonista assoluto nel proteggere la porta biancoceleste (foto di Alessandro Caiati)