fbpx

#IoRestoACasa: come comportarsi fino al 3 aprile. Il documento dei sindaci della Città Metropolitana di Bari

Poco dopo l’annuncio del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sull’estensione della zona a protezione speciale all’intero territorio nazionale, i sindaci dei Comuni della Città Metropolitana di Bari hanno diffuso un “documento” con alcune semplici indicazioni per il corretto comportamento da seguire fino a quando il DPCM 9 marzo 2020 sarà in vigore, cioè fino al prossimo 3 aprile.

Riportiamo di seguito le indicazioni dei primi cittadini.

  • Quale distanza devo tenere dalle altre persone? Almeno un metro.
  • Se ho la febbre? Sopra i 37,5° C, chiamare il medico di base, stando in casa e NON andare al Pronto Soccorso.
  • Posso andare in altri Comuni? Assolutamente NO, salvo situazioni di necessità.
  • Posso spostarmi per lavoro? Anche in un altro Comune? Sì, gli spostamenti per motivi lavorativi sono consentiti. Negli spostamenti per lavoro, in zona provinciale Rossa, tra Comuni diversi, è bene avere con sé l’autocertificazione.
  • Sono fuori dalle zone rosse/arancioni, posso rientrare? Sì, sono consentiti i rientri al proprio domicilio.
  • Chi deve assolutamente stare in casa? Anziani e persone immunodepresse o con patologie.
  • Messe e altre funzioni religiose si svolgeranno? No.
  • Bar, gelaterie, ristoranti possono rimanere aperti? Sì, dalle 6:00 alle 18:00 nel rispetto della distanza di un metro fra i clienti.
  • Medie e grandi superfici di vendita? Chiuse nei giorni festivi e prefestivi, tranne gli alimentari.
  • Farmacie e parafarmacie? Aperte normalmente.
  • Asili, scuole e Università? Chiuse fino al 3 aprile.
  • Riunioni, convegni, eventi, manifestazioni? Vietati.
  • Pub, cinema, palestre, piscine, discoteche, musei, biblioteca? Chiusi.
  • Uffici Comunali? Quasi tutti i servizi sono fruibili online. Sono garantiti servizi essenziali e urgenti.
  • Posso fare la spesa? Sì, una persona per famiglia.
  • Posso andare a mangiare dai parenti? Non è uno spostamento necessario. La logica del decreto è quella di stare il più possibile nella propria abitazione per evitare che il contagio si diffonda.
  • Posso uscire a fare una passeggiata con i bambini? Sì, in posti dove non c’è assembramento e mantenendo sempre le distanze. Non è vietato uscire, ma occorre evitare sempre la creazione di assembramenti (non familiari, cioè non di persone che vivono già nella stessa abitazione).
  • Posso andare ad assistere i miei cari anziani non autosufficienti? Questa è una condizione di necessità. Ricordate però che gli anziani sono le persone più a rischio, quindi cercate di proteggerle dal contagio il più possibile.
  • Posso andare a fare la spesa in paese? Sì, è possibile, ma i commercianti sono tenuti a stabilire un numero massimo di persone che frequenti l’esercizio garantendo la distanza di un metro gli uni dagli altri. In ogni caso i supermercati e i centri commerciali restano chiusi il sabato e la domenica.
  • I corrieri merci possono circolare? Sì, essi possono circolare.

L’appello unanime di tutte le autorità politiche è quello di attenersi alle disposizioni per il bene di tutti.