fbpx

La lotta al contrabbando di specie esotiche è necessaria per salvare la biodiversità

Avete mai sentito parlare dei pangolini? Si tratta dei mammiferi più richiesti nel mercato illegale, assieme a elefanti e rinoceronti, arrivati quasi all’estinzione. Il contrabbando di animali e piante selvatici è una minaccia per la biodiversità.

“È compito di tutti gli Stati Membi impegnarsi a combattere questo commercio illegale – ha spiegato la relatrice Catherine Bearder (ALDE, UK), autrice di una relazione per l’inasprimento dei controlli volti a stroncare questo redditizio commercio illegale – gestito dalla criminalità organizzata ed estremament dannoso per la stabilità di varie parti del mondo”.

Il mercato nero di animali selvatici mette a rischio la sopravvivenza di numerosi speci animali (elefanti, rinoceronti, tigri, rettili, squali) e vegetali (legname tropicale, coralli, orchidee). L’equilibrio dei vari ecosistemi è minacciato sia dai rischi costituiti dalla riduzione del numero di esemplari autoctoni che dall’inserimento di speci aliene.

Negli ultimi anni, questo commercio illegale ha raggiunto livelli senza precedenti, a causa della domanda sempre crescente di animali esotici o prodotti correlati.

La criminalità organizzata ha scoperto il redditizio budget del traffico illecito di piante o animali: il rischio di essere scoperti fino a oggi era basso e il guadagno molto alto. I proventi di questa attività vengono utilizzati anche per il finanziamento di alcuni gruppi terroristici.

In più, si tratta di un terreno particolarmente scivoloso a livello legale in quanto tali prodotti riescono a essere venduti nel mercato ufficiale attraverso documentazioni fraudolente che rendono il consumatore non consapevole della provenienza illecita.

L’Unione Europea rappresenta sia un importante mercato di destinazione per fauna e vegetali selvatici, sia un hub di transito di queste merci che, per alcune specie, anche un luogo di partenza del contrabbando (ad esempio per il commercio delle anguille cieche).

Le azioni messe in campo dal Parlamento Europeo

La commissione commissione ambiente ha votato all’unanimità (con 4 astensioni) il piano d’azione proposto da Catherine Bearder per contrastare il commercio illegale di specie selvatiche, come da risoluzione della Commissione Europea all’inizio di quest’anno.

Il piano d’azione – continua la relatrice Bearder – ha tre priorità: la prima è combattere il contrabbando, la seconda riguarda l’attuazione e l’applicazione delle norme in tutti gli Stati membri e la terza concerne il rafforzamento della cooperazione tra paesi d’origine, di transito e di arrivo degli animali, delle piante e dei prodotti a essi correlati.

Fonte: Parlamento europeo