di Silvano Mezzapesa

“La notte del Camerlengo” (foto di Fabio Egidi)

Enorme successo per l’“edizione zero“ de “La Notte del Camerlengo – passeggiata notturna fra storie e leggende cassanesi“, svoltasi nella serata del 22 luglio alle ore 22:00 nel centro storico di Cassano delle Murge.

La manifestazione ha vantato una forte affluenza di partecipanti provenienti non solo dalla cittadina stessa ma soprattutto da altri comuni limitrofi, curiosi di ascoltare i racconti e leggende del Camerlengo.

La folla accorsa numerosa si è riunita attorno al sagrato della Chiesa Madre, reso ancor più suggestivo dalle fiaccole che hanno dato vita ad uno scenario mistico tutto da scoprire.

Come anticamente accadeva, il camerlengo alla sera era solito percorrere le stradine del paese e si dirigeva verso i portoni di ingresso per richiuderli dopo il ritorno dei popolani dal lavoro nelle terre.

Ad accompagnare i partecipanti attraverso i punti caratteristici del centro storico cassanese il “Camarlingus“ d’eccezione Vito Campanale, appassionato e scrittore di storia locale.

Il racconto del camerlengo ha ridato linfa vitale alle antiche mura, ai palazzi monumentali, alle chiese caratteristiche ed ai claustri pieni di storia che ancora oggi possiamo osservare attraverso gli occhi della moderna quotidianità.

Vito Campanale (foto di Fabio Egidi)

Luoghi che hanno visto crescere la comunità cassanese nel susseguirsi delle diverse epoche storiche e che hanno ospitato la nascita di antichi mestieri quale la lavorazione del rame. Quest’ultima, come sottolinea Campanale, ebbe una forte connotazione di stampo storico-demografico essendo stato un mestiere prettamente svolto da famiglie di origine calabrese, le quali hanno abitato un piccolo e caratteristico quartiere delle città vecchia. Una comunità, quella cassanese, che ha vantato in passato la nascita della prima struttura ospedaliera della provincia, simbolo della solidarietà verso i degenti ed i poveri.

Durante la passeggiata notturna sono emerse le metamorfosi dell’architettura e dello sviluppo urbanistico di Cassano delle Murge attraverso i tempi. Tracce di passaggio di culture diverse che hanno ampliato il significato simbolico della cittadina, terra di snodo di viandanti e pellegrini.

Ed attraverso stretti passaggi ed arcate di rilevante bellezza, i numerosi partecipanti hanno fatto ritorno presso la Chiesa Matrice per il saluto finale del camerlengo, avvenuto con l’augurio che ci possano essere future edizioni con il sostegno caloroso di tutta la comunità.

Alla mezzanotte si è conclusa la prima edizione di un evento che con la sua aura di mistero ha coinvolto i tantissimi presenti nella scoperta del “genius loci” del paese. Un evento che ha posto le basi di un cambiamento culturale ripartendo dalle radici della comunità.

 

Tags: , ,