fbpx

La Torre dell’Orologio si “illumina di blu” nella Giornata Mondiale del Diabete. L’iniziativa del Leo Club

Ogni anno in tutto il mondo il 14 novembre, giorno che corrisponde alla nascita di Frederick Banting (il co-scopritore dell’insulina con Charles Best nel 1922), si celebra la Giornata Mondiale del Diabete, istituita dalla Federazione Internazionale del Diabete (IDF) e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 1991 in risposta per sensibilizzare sugli effetti del diabete sulla salute delle persone.

La Giornata Mondiale del Diabete non è solo una ricorrenza da calendario, ma un modo per ricordare che questa malattia colpisce 425 milioni di persone nel mondo, di cui 5 milioni in Italia.

Il Leo Club di Cassano delle Murge, proprio in occasione della Giornata Mondiale del Diabete, ha deciso di porre l’attenzione su questa malattia colorando di blu, colore scelto come simbolo della GMD, la Torre dell’Orologio in piazza Moro.

«In questo particolare clima, nel quale le altre patologie vengono messe da parte per l’attenzione verso il Covid-19 – spiegano dal Leo Club di Cassano delle Murge – vogliamo sensibilizzare la popolazione circa l’importanza della prevenzione di questa patologia.

Comprendere le basi del diabete è il primo passo per avere il controllo sulla propria salute. Per diabete si intende una sindrome che comprende un gruppo di malattie metaboliche caratterizzate da un difetto di secrezione e/o di azione dell’insulina, dalla presenza di iperglicemia e dalla comparsa a lungo termine di complicanze croniche a livello di vari organi, in particolare occhi, rene, nervi, cuore e vasi sanguigni.

Anche se sappiamo che per il diabete c’è una predisposizione genetica, numerosi studi scientifici hanno dimostrato che le persone a rischio possono ridurre le probabilità di ammalarsi con stili di vita corretti. In particolare, consumare alimenti ricchi di fibre (frutta, verdura, legumi, cereali integrali) che contribuiscono a tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue; fare attività fisica, anche moderata (basta infatti anche una passeggiata di 30 minuti al giorno) e soprattutto consultare il medico in presenza di particolari sintomi, come eccessiva sete o fame, frequente bisogno di urinare, perdita drastica di peso, vista annebbiata ed estremità intorpidite».