“L’attenzione al patrimonio è una delle priorità di questa legislatura. Pompei è un luogo di eccellenza storica e archeologica, e anche di esemplari capacità di fruizione e valorizzazione che non sono meri strumenti di profitto, ma contribuiscono allo sviluppo dell’occupazione e alla rivalutazione delle numerose professionalità che il nostro Paese esprime”.

Queste le parole del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Alberto Bonisoli alla prima uscita pubblica nel ruolo di rappresentante di Governo, avvenuta a Pompei, in occasione della  presentazione alla stampa del cantiere dei nuovi scavi alla Regio V.

“Sono Ministro, ma mi piace definirmi un lavoratore della cultura” ha dichiarato Bonisoli dopo aver plaudito il lavoro svolto dal Parco Archeologico e ha sottolineato “sia l’importanza di favorire l’inserimento di professionisti qualificati sia la necessità di assunzione con contratti ‘seri’, dunque a tempo indeterminato”.

Da Pompei, dove è intervenuto accompagnato dal Direttore del Parco Archeologico, prof. Massimo Osanna, e il Direttore Generale del Grande Progetto Pompei Mauro Cipolletta, Il Ministro ha annunciato la visita, prossima, alle zone terremotate del Centro Italia.

Fonte: Ufficio Stampa MiBACT