fbpx

Maltempo: allerta arancione della Protezione Civile. I consigli dell’Amministrazione Comunale

(foto Google)

In questi giorni, l’Italia è interessata dal passaggio di una perturbazione proveniente dal nord Europa che porta aria fredda e marcatamente instabile, dapprima sulle regioni settentrionali, specie quelle di ponente, con piogge e temporali localmente intensi.

Nel corso della giornata di ieri, le precipitazioni si sono estese alle regioni del centro, fino a giungere in serata sul meridione, con fenomeni più frequenti e rilevanti sul versante tirrenico e successivamente su quello ionico.

Oggi i temporali interesseranno soprattutto il meridione, mentre cesseranno sulle regioni centrali.

I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.

Sulla base dell’Avviso di condizioni meteorologiche avverse emesso dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, il Centro Funzionale Decentrato Puglia ha emanato, già per la giornata di ieri, dalle ore 14:00, un’ALLERTA GIALLA per rischio idrogeologico e per temporali su tutto il territorio regionale.

Per fortuna, almeno a Cassano, non ci sono stati grossi disagi.

Ma i fenomeni più intensi sono previsti per oggi, martedì 16 luglio, per questo il Dipartimento di Protezione Civile della Regione Puglia ha emanato, a partire dalla mezzanotte e fino alle 20:00 di stasera, un’ALLERTA ARANCIONE per rischio idrogeologico e per temporali per le zone centro meridionali della Regione, elevando il livello di allerta.

La sindaca Maria Pia Di Medio, intanto, con una nota informa la cittadinanza che per eventuali richieste di intervento, in caso di emergenza, è possibile rivolgersi ai numeri 080 3211600 e 080 3211601

«Si invita, ad ogni buon conto, la cittadinanza a mantenere la calma – aggiunge la prima cittadina nella nota – evitare di uscire se non estremamente necessario, di non intasare le linee telefoniche per la richiesta di informazioni che possono essere reperite con altri mezzi. In caso di emergenza saranno garantiti bollettini informativi ad oras attraverso la cortese collaborazione delle testate giornalistiche e i social (in particolare Municipium)».

Per una maggiore informazione per i cittadini, infine, l’Amministrazione Comunale ha diffuso le indicazioni della Protezione Civile sul corretto comportamento durante la fase emergenziale.

Cosa fare in caso di rovesci di pioggia e grandine

All’aperto

Per lo svolgimento di attività nelle vicinanze di un corso d’acqua (anche un semplice pic-nic) o per scegliere l’area per un campeggio:

  • scegli una zona a debita distanza dal letto del torrente e adeguatamente rialzata rispetto al livello del torrente stesso, oltre che sufficientemente distante da pendii ripidi o poco stabili: intensi scrosci di pioggia potrebbero attivare improvvisi movimenti del terreno.

In ambiente urbano

Le criticità più tipiche sono legate all’incapacità della rete fognaria di smaltire quantità d’acqua considerevoli che cadono al suolo in tempi ristretti con conseguenti repentini allagamenti di strade. Per questo:

  • fai attenzione al passaggio in sottovia e sottopassi, c’è il rischio di trovarsi con il veicolo semi-sommerso o sommerso dall’acqua;
  • evita di recarti o soffermarti anche gli ambienti come scantinati, piani bassi, garage, sono a forte rischio allagamento durante intensi scrosci di pioggia.

E in particolare se sei alla guida:

  • anche in assenza di allagamenti, l’asfalto reso improvvisamente viscido dalla pioggia rappresenta un insidioso pericolo per chi si trova alla guida di automezzi o motoveicoli, riducendo tanto la tenuta di strada quanto l’efficienza dell’impianto frenante;
  • limita la velocità o effettua una sosta, in attesa che la fase più intensa, che difficilmente dura più di mezz’ora, del temporale si attenui. È sufficiente pazientare brevemente in un’area di sosta. Durante la fase più intensa di un rovescio risulta infatti fortemente ridotta la visibilità.

In caso di grandine, valgono le avvertenze per la viabilità già viste per i rovesci di pioggia, riguardo alle conseguenze sullo stato scivoloso del manto stradale e sulle forti riduzioni di visibilità. La durata di una grandinata è tipicamente piuttosto breve.

Cosa fare – Durante l’Alluvione

Se sei in un luogo chiuso

  • Non scendere in cantine, seminterrati o garage per mettere al sicuro i beni: rischi la vita.
  • Non uscire assolutamente per mettere al sicuro l’automobile.
  • Se ti trovi in un locale seminterrato o al piano terra, sali ai piani superiori. Evita l’ascensore: si può bloccare. Aiuta gli anziani e le persone  con disabilità che si trovano nell’edificio.
  • Chiudi il gas e disattiva l’impianto elettrico. Non toccare impianti e apparecchi elettrici con mani o piedi bagnati. Non bere acqua dal  rubinetto: potrebbe essere contaminata
  • Limita l’uso del cellulare: tenere libere le linee facilita i soccorsi.
  • Tieniti informato su come evolve la situazione e segui le indicazioni fornite dalle autorità

Se sei all’aperto

  • Allontanati dalla zona allagata: per la velocità con cui scorre l’acqua, anche pochi centimetri potrebbero farti cadere.
  • Raggiungi rapidamente l’area vicina più elevata evitando di dirigerti verso pendii o scarpate artificiali che potrebbero franare.
  • Fai attenzione a dove cammini: potrebbero esserci voragini, buche, tombini aperti ecc.
  • Evita di utilizzare l’automobile. Anche pochi centimetri d’acqua potrebbero farti perdere il controllo del veicolo o causarne lo spegnimento:  rischi di rimanere intrappolato.
  • Evita sottopassi, argini, ponti: sostare o transitare in questi luoghi può essere molto pericoloso.
  • Limita l’uso del cellulare: tenere libere le linee facilita i soccorsi.
  • Tieniti informato su come evolve la situazione e segui le indicazioni fornite dalle autorità.

Dopo l’alluvione

  • Segui le indicazioni delle autorità prima di intraprendere qualsiasi azione, come rientrare in casa, spalare fango, svuotare acqua dalle  cantine ecc.
  • Non transitare lungo strade allagate: potrebbero esserci voragini, buche, tombini aperti o cavi elettrici tranciati. Inoltre, l’acqua potrebbe  essere inquinata da carburanti o altre sostanze.
  • Fai attenzione anche alle zone dove l’acqua si è ritirata: il fondo stradale potrebbe essere indebolito e cedere.
  • Verifica se puoi riattivare il gas e l’impianto elettrico. Se necessario, chiedi il parere di un tecnico.
  • Prima di utilizzare i sistemi di scarico, informati che le reti fognarie, le fosse biologiche e i pozzi non siano danneggiati.
  • Prima di bere l’acqua dal rubinetto assicurati che ordinanze o avvisi comunali non lo vietino; non mangiare cibi che siano venuti a  contatto con l’acqua dell’alluvione: potrebbero essere contaminati.