fbpx

Maturità 2019: i 100 dell’IISS Leonardo da Vinci

di Anita Malagrinò Mustica

l’IISS “Leonardo da Vinci” di Cassano delle Murge (foto d’archivio)

Sono stati pubblicati oggi, 6 luglio, gli esiti degli Esami di Stato 2019 per 105 studenti cassanesi, tutti “maturi” e, ormai, ex alunni del Liceo Scientifico “Leonardo Da Vinci” e del Liceo Classico “Platone”.

Tante le novità che hanno accompagnato l’andamento della Maturità di quest’anno, fra dubbi, paure, incertezze, ma, inevitabilmente, attimi di euforica attesa per un futuro che, per i neodiplomati, ha appena iniziato a delinearsi, fornendo un primo assaggio di sé in queste prove, prime di tante altre.

Gli alunni che, quest’anno, si sono distinti per aver conseguito il massimo dei voti, sono, per il Liceo Classico “Platone”: Milena Dicanio (100/100esimi e Lode), 5ª A; Maia Campanale (100/100esimi), 5ª A e Ludovica Plantamura (100/100esimi), 5ª A.

Per il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci”: Elisa Clemente (100/100esimi e Lode), Alessandro Natuzzi (100/100esimi e Lode), Cosmo Scarimbolo (100/100esimi) e Armando Zambetta (100/100esimi) della 5ª A; Silvia Gemmato (100/100esimi e Lode), Giuseppe Giorgio (100/100esimi), Elena Nuzzi (100/100esimi) e Giacomo Radogna (100/100esimi e Lode) della 5ª B; Dominga Capozzo (100/100esimi e Lode) della 5ª C; Stefania Losito (100/100esimi e Lode) e Fabio Milillo (100/100esimi) della 5ª D; Orkida Kuci (100/100esimi) e Giusy Pietroforte (100/100esimi) della 5ª E.

Per docenti e alunni, è stato un esame nuovo. Le prove scritte sono state ridotte da tre a due. La prima prova, svoltasi nella mattinata del 19 giugno 2019, a partire dalle 8:30, ha visto gli studenti confrontarsi con il classico tema, liberamente articolabile a partire da tre tipologie e sette diverse tracce.

I maturandi hanno scelto tra analisi del testo (tipologia A), ampliata a due autori (con due distinte tracce), analisi e produzione di testo argomentativo (tipologia B, con tre diverse tracce) e riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità in ambito artistico, letterario, filosofico, scientifico, storico, sociale, economico e tecnologico (tipologia C con due tracce).

La seconda prova, somministrata giovedì 20 giugno, ha visto l’introduzione della doppia materia caratterizzante il proprio indirizzo di studio.

Gli studenti del Liceo Scientifico hanno avuto di fronte problemi di matematica e fisica (che, per la prima volta, entra nello scritto).

Gli studenti del Classico, invece, si sono confrontati con una prova di latino-greco, traducendo un testo in latino che è stato confrontato con un altro in lingua greca (con traduzione a fronte) e rispondendo, poi, a tre domande su entrambi i brani, che ne hanno valutato la comprensione e l’interpretazione.

Per l’esame orale non è stata richiesta la tesina, come avvenuto negli anni precedenti, ma gli studenti hanno dato vita ad un’esposizione pluridisciplinare a partire da un argomento proposto in una delle tre buste che è stato proprio il candidato a scegliere.

Gli argomenti presenti nelle buste sono stati stabiliti sulla base del programma svolto, dei progetti didattici realizzati, dei metodi e criteri di valutazione utilizzati. Durante il colloquio, i maturandi hanno anche presentato una relazione sull’esperienza di alternanza scuola-lavoro e sono stati interrogati sulle attività svolte a riguardo di Cittadinanza e Costituzione.

I primi nati del nuovo millennio si sono diplomati con la pesante incognita della novità, a cui, però, i ragazzi sono arrivati preparati anche grazie alle diverse simulazioni svolte durante l’anno.

Il 19 febbraio gli studenti hanno, infatti, affrontato il primo appuntamento con le simulazioni del Miur.

Il 28 febbraio è stato il turno delle simulazioni di seconda prova e il 26 marzo, invece, è toccato alle ultime simulazioni della prima prova, seguite, il 2 aprile, dalle ultime simulazioni della seconda prova.

Ai centisti e a tutti i neodiplomati cassanesi vanno i nostri più sentiti auguri per un’estate serena e una proficua carriera universitaria e/o lavorativa.