dai gruppi di opposizione in Consiglio Comunale

piazza Garibaldi innevata

Il buon amministratore non si vanta del dovere compiuto ma resta in allerta.

I toni entusiastici dei nostri amministratori sulla gestione dell’emergenza neve di questi due giorni si scontrano sulle tante scivolate di alunni e adulti in prossimità di luoghi sensibili quali scuola, ufficio postale ed altri uffici pubblici o luoghi privati ad accesso pubblico.

Lo diciamo non per spirito di polemica, ma per educare il pubblico amministratore a non esaltare il dovere compiuto, a non paragonarsi con emergenze di anni scorsi di ben altre proporzioni; di valutare il proprio dovere non come terminato con la nevicata, ma prevedendo i rischi conseguenti alla nevicata come ad esempio il ghiaccio residuale nei pressi dei luoghi sensibili di forte affluenza di avventori.

Ci sono borghi nell’extraurbano che hanno ancora diverse difficoltà per le strade.

Far trovare, poi, al rientro diverse scuole e classi con i termosifoni spenti o appena accesi, certamente è stato un ulteriore esempio di disattenzione nei confronti dei più piccoli.

Si sarebbero evitate le scivolate di studenti e di adulti.

Le scivolate della nostra amministrazione, però, pare davvero difficile evitarle.

 

Tags: , , , , , , , ,