fbpx

PA e comunicazione: l’autorevolezza fa la differenza

Comunicazione pubblica e rapporto PA/media/cittadini, questo il tema del seminario “Prefettura, Guardia di Finanza e Vigili del Fuoco: come si informa la stampa” ospitato a Palazzo Medici Riccardi, sede della prefettura di Firenze, con la partecipazione del viceministro all’Interno Vito Crimi.

Parlando al pubblico fatto di rappresentanti degli enti locali, operatori delle Forze dell’ordine, giornalisti e comunicatori pubblici, Crimi ha approfondito l’argomento della comunicazione delle Forze dell’ordine in un contesto sul quale influiscono sempre più le nuove tecnologie, i social network e il “giornalismo partecipativo” o citizen journalism.

Tempestività, correttezza e completezza delle informazioni sono gli elementi fondamentali per fornire un quadro chiaro della situazione.

È nelle situazioni di emergenza o pericolo, infatti, ha sottolineato Crimi, che i cittadini hanno più bisogno di punti di riferimento certi. Proprio in questi casi, ha aggiunto, la comunicazione delle Forze dell’ordine può e deve fare la differenza, assicurando con il tono della comunicazione, con la qualità dei dati e l’attendibilità delle notizie la stessa autorevolezza e sicurezza che mette in campo nei fatti.

«Con l’associazione Stampa Toscana, ha sottolineato il prefetto di Firenze Laura Lega, si è creata una partnership importante. Si tratta di un percorso che si propone di offrire un contributo aggiuntivo al bagaglio professionale dei giornalisti affinché l’informazione, oltre ad essere libera e indipendente, sia anche in grado di fornire un panorama corretto dell’attività delle PA, in particolare della prefettura e delle Forze di polizia».

Al seminario, organizzato dall’ufficio territoriale del governo toscano e dall’Associazione Stampa toscana (Ast), è intervenuto il presidente dell’Ast Sandro Bennucci.

Fonte: Ministero dell’Interno