fbpx

“Popoli in festa”: Cassano ancora una volta simbolo di integrazione

di Giulia Masiello

l’inaugurazione del GiardiLeo in piazza Garibaldi (foto di Giulia Masiello)

“Sudare e faticare. Le cose belle nascono così.”

E così è nata “Popoli in festa”, una vera e propria reunion di etnie che ha scelto come luogo di incontro Cassano. Diversi i siti in cui le varie associazioni e gruppi giovanili hanno deciso di darsi appuntamento nella giornata di ieri, scelta non a caso dagli organizzatori «in coerenza con un progetto che mira ad abbattere le barriere del pregiudizio e a creare ponti tra culture diverse».

Prima tappa della “festa dell’Integrazione”, che ha anticipato la tanto attesa Festa Patronale, la cara “villa” di Cassano, locus memorandia per eccellenza, dove è stato inaugurato il nuovo “salotto” del paese. Il GiardiLeo pensato e “coltivato” dal Leo Club di Cassano è proprio questo, un salotto tutto verde arredato con simpatici pneumatici fuori uso, da “sfruttare” per molteplici attività ricreative aperte a tutti, vale a dire letture all’aperto e attività ludiche, una nuova risorsa, insomma, per il tempo libero, pensato per i cittadini grandi e piccoli, nonché per favorire l’aggregazione sociale.

Presenti al taglio del nastro e alla “donazione” da parte di don Francesco, parroco della Chiesa madre, non solo il Leo Club, ma anche il gruppo Legambiente di Cassano, sempre pronto a “ridare vita” ai materiali di scarto raccolti nelle precedenti giornate di “pulizia del paese” e di “disintossicazione” del territorio, il clan/fuoco “Senza Barriere” del gruppo AGESCI Scout Cassano e i ragazzi di Etnie A.P.S. Onlus, ente gestore del progetto ministeriale di prima accoglienza a minori straneri non accompagnati.

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Popoli in festa” in piazza Moro (foto di Giulia Masiello)

A seguire, in piazza Moro, tante le attività che hanno rallegrato e divertito i partecipanti sotto le prime coloratissime luminarie, ormai pronte ad accogliere i festeggiamenti della Santa Patrona di Cassano, attività realizzate all’insegna della condivisione e della solidarietà. Tra queste la mostra fotografica dal titolo “AMBIENTE E INTEGRAZIONE” a cura di Legambiente e SPRAR di Cassano della Senis Hospes; grande successo anche per i prodotti artistici esposti sempre nello stand del centro d’accoglienza cassanese, realizzati anch’essi con materiali più impensabili, raccolti e riassemblati con originalità grazie alla fusione di diverse tecniche artistiche, ma soprattutto alla mano creativa di Margherita Veneziani, insegnante di arti creative del centro Sprar. Portacandele, scacciapensieri e svariati oggetti d’arredo rigorosamente handmade sono stati esposti e apprezzati dai curiosi visitatori.

Al contempo giocolieri esperti delle tradizioni popolari dal Mediterraneo del gruppo Etnie, danzatori e musicisti dell’associazione culturale Mama Africa si sono esibiti in diversi punti della piazza, sulla scia di note musicali accompagnate da passi di danza, giravolte e capriole.

Inoltre, a deliziare e sorprendere anche i palati più tradizionali, gli stand dedicati alla cucina alquanto speziata dei popoli in festa, dove sono stati distribuiti piatti tipici delle tradizioni etniche, sapientemente preparati dai ragazzi dei gruppi presenti.

Così i ragazzi di tutti i popoli del territorio locale hanno deciso e accettato di confrontarsi, cooperare e andare contro ogni tipo di pregiudizio. La manifestazione di un caldo e intenso pomeriggio di luglio è solo uno dei tanti tasselli che la comunità cassanese intende aggiungere a quel progetto di unione solidale basata sull’integrazione e atta a favorire l’educazione “da pari a pari”, che vuole essere innanzitutto una vera e propria “presa di posizione contro la staticità soprattutto mentale”.

Un progetto, pertanto, simile ad un grande dipinto in divenire, dalla verde cornice e su cui è rappresentata con i colori forti e vivaci della giovinezza una nuova comunità, costituita da “vecchi” e “nuovi” abitanti uniti in una nuova dimensione di cittadinanza.

Questo slideshow richiede JavaScript.