i consiglieri di PrimaVera Cassano Amedeo Venezia e Teodoro Santorsola (foto dalla diretta Facebook)

Giovedì 26 ottobre il gruppo consiliare PrimaVera Cassano terrà un incontro pubblico alle ore 18:30 presso la Sala Consiliare di piazza Rossani.

L’incontro prevede un pubblico dibattito con i cittadini sui quattro mesi di attività del gruppo.

Nella serata di ieri il capogruppo Teodoro Santorsola ha spiegato, in una diretta Facebook, l’obiettivo dell’appuntamento del 26: «vi aspettiamo in Sala Consiliare – ha detto Santorsola – per darvi un resoconto di quelle che sono state le iniziative che il gruppo ha già messo in campo ma soprattutto per dar voce ai cittadini».

Sono tanti, afferma il capogruppo di PrimaVera Cassano, i cittadini che avvertono la necessità di parlare e fermano i consiglieri comunali per sottoporre questioni delle più disparate e delle più diverse: «noi vogliamo un rapporto ancora più forte e diretto con la città perché ci rendiamo conto, quotidianamente, vivendo la nostra Cassano che amiamo davvero, che sempre più spesso vengono lanciate grida di allarme o richiami ad una maggiore attenzione per la cosa pubblica».

Nell’incontro di giovedì prossimo, dunque, PrimaVera Cassano cederà il microfono nelle mani dei cittadini che avranno la possibilità di confrontarsi con i consiglieri Santorsola e Venezia per sottoporre temi che poi sarà loro compito trasformare in azioni concrete verso l’amministrazione.

Santorsola interviene, nel video, anche sulla questione del Centro Medico che, ricordiamo, ha ottenuto dagli uffici regionali le autorizzazioni per procedere alla ristrutturazione e all’ampliamento: «c’è il parere favorevole della Regione Puglia. È facile comprendere per i lavoratori e per tutta Cassano, visto l’indotto che quella struttura crea per il paese, che cosa possa significare una notizia straordinaria del genere. Non eravamo dei pazzi visionari quando in campagna elettorale dicevamo che esistevano i presupposti reali, concreti, non le chiacchiere, per poter fare ancora in tempo a salvare quest’ultimo fiore all’occhiello che forse ci resta a Cassano».

Sull’argomento interviene anche il Partito Democratico di Cassano delle Murge, rappresentato in Consiglio Comunale da Amedeo Venezia, componente del gruppo PrimaVera Cassano: «vista la campagna elettorale fatta dalla attuale amministrazione, dove sui palchi più volte ha mostrato pessimismo sulle sorti del Maugeri, definendo contro i mulini a vento la nostra battaglia – scrivono dal PD – attendiamo dal Sindaco Di Medio risposte immediate dopo l’ok della Regione Puglia, insieme a tutta la comunità cassanese e i dipendenti della struttura».

Questo sarà dunque un tema che verrà affrontato il 26 ottobre, insieme a tanti altri, per creare un confronto con la cittadinanza.

Santorsola invita, dunque, a sottoporre quesiti, questioni, domande: «diteci dove bisognerebbe intervenire», afferma Santorsola che si dice cosciente che «due consiglieri di minoranza non possono prendere decisioni che spettano al governo cittadino, ma metteremo a disposizione la nostra forza, la nostra volontà per mettere in atto qualsiasi strumento legittimio per svegliare chi dorme su temi importanti quale quello della sicurezza, quello della viabilità, le scuole, la cultura, l’immigrazione, quello dello scambio che diventa sempre più povero fra le anime che ci sono in questa città (mi riferisco anche a scontri generazionali). Cercheremo di ascoltare tutti quanti voi.

Esiste il problema molto serio dei borghi – continua il capogruppo di PrimaVera Cassano – se ne parla sempre in campagna elettorale. Ma questa amministrazione, come ha già dimostrato in passato, ha velocemente dimenticato temi importanti che riguardano i borghi di Cassano che, qualcuno dimentica, non sono le cosiddette periferie da tralasciare ma rappresentano ormai il tessuto urbano a tutti gli effetti.

Un’ultima grande questione, solo per darvi un’anticipazione è l’atto che è stato approvato con il voto contrario di PrimaVera Cassano sulla rigenerazione urbana: vi spiegheremo perché quella questione ci ha visti assolutamente contrari poiché l’amministrazione Di Medio ha inteso inserire nell’atto deliberativo una questione molto delicata (quella del sequestro del Garden Village, un’area che contiene sessantotto villini nella zona appena a ridosso della foresta Mercadante)».

«Abbiamo presentato interpellanze su svariati temi – conclude Santorsola – ma aspettiamo ora le vostre sollecitazioni, le vostre istanze per essere veramente presenti nel tessuto cittadino insieme a voi e concreti in Sala Consiliare e nelle attività che dovranno contraddistinguere il nostro percorso».

 

Tags: , , ,