di Giulia Masiello

la dott.ssa Vita Caroli Casavola (a sinistra) con la presidente del Leo Club Cassano Annamaria Lopane (foto di Giulia Masiello)

Prevenzione, tumori, malattie sessualmente trasmissibili e non: quante ne sanno i giovani di oggi?

È quello che i gruppi Lions e Leo di Cassano si sono chiesti e, dunque, il motivo per cui è stato presentato il Progetto “Martina” alle classi terze dell’I.I.S.S. “Leonardo-Platone” nella mattinata di sabato 10 novembre all’interno dell’auditorium dell’istituto.

A parlare agli studenti durante l’interessante lectio contro il silenzio, la Dottoressa Vita Caroli Casavola, ginecologa di professione, ma anche membro Lions, nonché portavoce dell’iniziativa che prende il nome “Martina” da colei che, non avendo vinto la sua battaglia contro il cancro, ha fortemente voluto che si diffondesse la cultura dell’informazione in tema di tumori e prevenzione.

Da dove cominciare? Ebbene, la scuola è ancora una volta il punto di partenza per divulgare e rendere consapevoli ragazze e ragazzi, oggi spesso distratti e poco propensi a valutare con una certa serietà e attenzione i rischi, le possibili cause e annesse conseguenze in alta percentuale devastanti a cui si va incontro quando non c’è informazione e quindi l’adozione di stili di vita e comportamenti responsabili.

«Molti tumori infatti – ha spiegato la Casavola – incominciano il loro percorso in età giovanile e non sempre la sintomatologia si manifesta in maniera evidente e percepibile nell’immediato. Imparare a conoscere il proprio corpo, prestare attenzione anche ai minimi cambiamenti che la crescita comporta, in particolar modo nel periodo che attraversa gli anni dell’adolescenza fino all’età adulta, è fondamentale».

Tutto ciò si traduce in prevenzione, ovvero adozione di comportamenti sani, controlli periodici e diagnosi tempestive, pertanto, non miracoli, ma certamente una considerevole riduzione del rischio di incorrere in patologie come, per citarne alcuni, melanoma, tumore della mammella e del testicolo. In un’epoca in cui la ricerca e la medicina hanno fatto passi da gigante nella diagnosi e nella cura dei “mostri moderni”, la cultura, a partire da quando si è giovani e soprattutto sani, è senza dubbio la prima “arma per imparare a difendersi”, perché la conoscenza permette di vivere con serenità la propria vita.

i ragazzi del Leo Club Cassano con la dott.ssa Caroli Casavola

 

Tags: , , ,