fbpx

Puliamo il Mondo 2015: il Circolo Legambiente Cassano a caccia di rifiuti

di Annarita Mastroserio

Puliamo il Mondo (foto di Annarita Mastroserio)
Puliamo il Mondo (foto di Annarita Mastroserio)

“Dove c’è partecipazione non c’è degrado”, questo il motto che ha guidato i volontari del Circolo Legambiente Cassano, in occasione della campagna “Alta Murgia Pulita” che ha visto la partecipazione del Parco dell’Alta Murgia all’interno del programma Festival della Ruralità.

Ieri mattina, domenica 27 settembre, i membri del Circolo Legambiente, armati di rastrello, bidoni e buste, si sono occupati di pulire dai rifiuti sia il tratto di Canale dell’Acquedotto Pugliese (da Via Fratelli Rosselli fino alla grande quercia secolare sita vicino la cava, sotto il pendio della Strada Panoramica), che la zona del Costone di Bruno e della zona intorno alla Chiesetta di Santa Lucia.

Il Circolo Legambiente Cassano, che partecipa a questa iniziativa per il terzo anno consecutivo, ha visto la collaborazione non solo dei soci ma anche di numerosi volontari, di scout, di studenti del liceo Leonardo Platone di Cassano e della scuola media del Circolo Perotti Ruffo.

«Grazie alle escursioni estive riusciamo a monitorare il territorio che circoscrive Cassano e, anche quest’anno, abbiamo deciso di tornare nella zona del Costone di Bruno per completare il lavoro di pulizia del territorio iniziato lo scorso anno», ha affermato il presidente del Circolo Legambiente Cassano, Pasquale Molinari, che ha quindi proseguito: «cercheremo, inoltre, di recuperare anche carcasse di auto con l’aiuto e il supporto della Forestale all’interno di un progetto in simbiosi col Circolo di Santeramo.

Attraverso attività come “Puliamo il Mondo” annualmente realizziamo report che ci consentono di controllare il nostro territorio, quindi di monitorare lo stato di salute dell’ambiente urbano e non che ci circonda.

Il nostro obiettivo è restituire bellezza al nostro territorio, sensibilizzare i giovani al contatto con la natura coinvolgendo scuole ed istituzioni», ed infatti, tra i volontari erano presenti anche il sindaco Lionetti, il vicesindaco Del Re e l’assessore all’ambiente Maiullaro.

«La nostra speranza rimane la stessa: che non ci siano più territori degradati da pulire! Affinché questo sia possibile è necessario rendere fruibili le zone oggetto di degrado, ad esempio posizionando panche e sedili in legno in modo da inibire i ‘lanciatori di sacchetti’», ha affermato Molinari.

Il Circolo Legambiente Cassano, che quest’anno si è fregiato di progetti come l’inaugurazione della prima Ecobiblioteca di Puglia, il progetto Educational Ecopneus-Legambiente (che ha coinvolto i bimbi della 2ª C della scuola Perotti Ruffo) ha numerosi progetti in cantiere per il prossimo anno fra cui la realizzazione di orti urbani e didattici, prendendo spunto dalla vicina Andria, che vedrebbe il coinvolgimento di cittadini grandi e piccoli, il recupero di pareti di edifici comunali attraverso la realizzazione di murales a tema ambientale e la realizzazione di un’area (in zona Sacro Cuore) per lo sguinzagliamento dei cani.