di Anita Malagrinò Mustica

La Puglia e, in generale, l’intera area del Mediterraneo, ha da sempre rappresentato una riserva inesauribile d’olio d’oliva. L’olivicoltura, infatti, ha una grande importanza non solo per l’economia rurale, ma anche per il patrimonio culturale e ambientale, rappresentando la principale attività agricola della regione, sia in termini di occupati che di percentuale di superficie coltivata.

L’oro verde, fiore all’occhiello della nostra alimentazione, che ha permesso all’Italia di piazzarsi al secondo posto nella classifica mondiale dei produttori, dopo la Spagna, è stato il protagonista indiscusso della giornata del 17 novembre 2018.

Il Circolo Legambiente di Cassano delle Murge, infatti, con il patrocinio del Comune e il sostegno del Lions Club, ha organizzato Le giornate dell’Oleo-Cultura.

A fare da sfondo all’evento, la sensazionale e recente scoperta del prof. Antonio Moschetta dell’Università degli Studi di Bari che, assieme al suo gruppo di ricerca, nei laboratori del Politecnico del capoluogo pugliese, ha studiato l’acido oleico, presente nell’olio extravergine d’oliva, ma anche nel nostro organismo, arrivando a dimostrarne l’utilità nell’ambito della prevenzione e della lotta ai tumori.

«L’olio extravergine di oliva – ha spiegato Moschetta all’ANSA – è ricco di acido oleico, una sostanza in grado di regolare la proliferazione cellulare. In studi preclinici abbiamo potuto simulare geni alterati e stati di infiammazione intestinale, dimostrando che la somministrazione di una dieta arricchita di acido oleico è in grado di garantire notevoli benefici per la salute. Tali effetti positivi sembrano essere dovuti anche alla presenza dell’enzima SCD1 nell’epitelio intestinale, che funziona quale principale regolatore della produzione di acido oleico nel nostro corpo». I ricercatori hanno inattivato il gene che codifica per SCD1 e hanno dimostrato che in assenza di acido oleico nella dieta, e in condizioni di diminuita produzione endogena ad opera di questo enzima, si ha dapprima infiammazione e poi lo sviluppo di tumori spontanei dell’intestino.

Se invece nella dieta si aggiunge acido oleico, «si ripristina la normale fisiologia intestinale con riduzione dell’infiammazione e protezione contro la formazione dei tumori. Sfruttando le proprietà benefiche dell’acido oleico, in futuro sarà possibile ridurre l’insorgenza del tumore soprattutto nei pazienti con infiammazione intestinale o già precedentemente affetti da questa malattia, e rallentarne la crescita e migliorare i trattamenti antitumorali già in uso, potenziandone l’effetto».

Alla luce di quanto suddetto, l’olivicoltura, quindi, è anche una grande risorsa per la salute pubblica. È un bene comune che però deve essere gestito al meglio.

«Vogliamo instaurare un dialogo sia con i produttori della zona che con i consumatori, per fornire in queste giornate, grazie agli esperti chiamati in causa, indicazioni e strumenti utili per riconoscere l’olio Extravergine autentico e puntare ad un innalzamento della qualità», ha spiegato Pasquale Molinari, presidente Legambiente Cassano.

Il 17 novembre, nella Sala Consiliare in piazza Rossani, a partire dalle 16, è stata messa a disposizione della cittadinanza una piattaforma del progetto ARISTOIL, cui obiettivo principale è il rafforzamento della competitività del settore dell’olio d’oliva del Mediterraneo attraverso lo sviluppo e l’applicazione di metodologie di produzione e controllo di qualità innovative che portino alla produzione di un olio di oliva con maggiori proprietà nutraceutiche. Infatti, sono state effettuate in diretta le analisi per misurare il contenuto di polifenoli nell’olio EVO, attraverso l’aristometro.

Il resto della manifestazione ha arricchito notevolmente il bagaglio di conoscenze dei cittadini, che hanno appreso nuove ed interessanti informazioni anche grazie all’Associazione culturale Passione Extravergine, potendo testare e sperimentare nuove fragranze ed essenze nell’ambito del Laboratorio di degustazione narrata.

Infine, un breve corso formativo rivolto a produttori e frantoiani ha fornito consigli pratici per ottenere un prodotto a elevato contenuto di polifenoli per un posizionamento migliore sul mercato.

La manifestazione prosegue oggi ma la Passeggiata tra gli Ulivi, prevista per stamattina, è stata rinviata per maltempo.

 

Tags: ,