fbpx

Rifiuti nel Centro Storico: «senza fototrappole è una guerra persa in partenza»

(foto del Movimento Cittadino dei Residenti del Centro Storico di Cassano delle Murge)

«È vero siamo in piena pandemia, è vero ci sono mille altre criticità più serie della nostra ma ormai anche l’abbandono dei rifiuti è diventata una problematica importante da risolvere nel nostro comune».

Il Movimento Cittadino dei Residenti del Centro Storico di Cassano delle Murge torna a denunciare l’ennesimo abbandono di rifiuti per le vie del Paese Vecchio, nonostante il grande impegno che gli abitanti ci stanno mettendo per far sì che le cose cambino: «ci siamo attivati diversamente – scrivono – cercando e sperando di trovare una risoluzione diplomatica per fronteggiare questa piaga sociale. Nell’ordine abbiamo contattato famiglie di extracomunitari e non, residenti nel centro storico che non attuano la raccolta differenziata, abbiamo chiesto all’amministrazione di organizzare una task force composta da assessori e tecnici comunali, abbiamo interpellato e chiesto aiuto alla Caritas ed alla associazione Cercasi un Fine. Purtroppo lo spartito è sempre lo stesso, sistematicamente cittadini di tutte le razze ed estrazione sociale abbandonano per le vie del centro storico rifiuti di tutti i tipi».

A questo punto, però, la soluzione al problema pare essere solo una: «ci chiediamo quindi cosa costa e quanto è difficile piazzare una fototrappola o telecamera a circuito chiuso in zone nevralgiche del paese vecchio proprio come fanno in tutti i comuni limitrofi.

Noi ci stiamo provando ma abbiamo bisogno dell’aiuto della macchina amministrativa e delle forze dell’ordine, da soli combattiamo una guerra persa in partenza.

A nulla valgono gli sforzi delle tante associazioni attive sul territorio se poi non si ha continuità ed appoggio fattivo da parte dell’amministrazione.

Sperando in un miracolo natalizio vi auguriamo buon inizio delle festività».