fbpx

Selezione 2019 al Marchio del Patrimonio Europeo: due siti italiani candidati

La Commissione Europea ha pubblicato l’elenco dei siti preselezionati a livello nazionale da candidarsi nell’ambito della selezione 2019 al Marchio del patrimonio europeo: le proposte, in numero di 19, sono pervenute da Austria, Belgio, Croazia, Francia, Germania, Italia, Lettonia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Ungheria.

I siti, tra i quali tre transnazionali, verranno valutati da un panel di esperti indipendenti che, così come stabilito dalla Decisione istitutiva dell’Azione (la 1194 del 2011), potranno designare un sito al massimo per Stato membro. La Commissione Europea nominerà poi formalmente i siti vincitori agli inizi del 2020.

L’Italia ha presentato i progetti relativi al Parco Archeologico di Ostia Antica (Roma) e al Castello del Valentino di Torino, che si sono distinti per aver evidenziato la rilevanza europea dei siti, tramite un progetto che parli di Europa agli europei, e che hanno dimostrato di avere una capacità operativa tale da garantire l’implementazione del progetto proposto.

La preselezione nazionale è stata condotta da una Commissione di valutazione interna al MiBAC, con competenze multidisciplinari, attenta alle tematiche della didattica e della divulgazione culturale presso le giovani generazioni, tramite una comunicazione multimediale e multilingue, così come richiesto dal Marchio del patrimonio europeo.

Fonte: Mibac