fbpx

Trekking Cassano in escursione sui “ricami murgiani”, la rete di tratturelli e muretti a secco delle “Quite” di Santeramo

(foto Trekking Cassano)

Dopo aver esplorato, domenica scorsa, una meravigliosa area naturalistica a ridosso di Cassano e aver contribuito ad “Alta Murgia Pulita”, il gruppo Trekking Cassano, per l’escursione di domenica prossima, 18 ottobre, si sposta «verso un’altra area magica, le “Quite” di Santeramo, caratterizzata da molti piccoli appezzamenti omogenei, testimonianza del periodo storico in cui la Riforma Agraria avviò il processo di espropriazione di terreni (spesso scelti tra quelli più improduttivi), allo scopo di frazionarli e distribuirne quote alle famiglie contadine, per consentire loro di coltivarli e ricavarne il necessario per il proprio sostentamento.

Osservandone le attuali caratteristiche, affascinanti sotto il profilo naturalistico e paesaggistico – spiega il coordinatore del gruppo, Nicola Diomede – ma, in cui si evidenzia dovunque l’abbondanza di pietre e la scarsità di terreno coltivabile, viene da riflettere su quanto sudore e lavoro dovettero spendere quei poveretti per poter riuscire a far crescere qualche stentato ulivo, fico e mandorlo, o per coltivare un po’ di legumi indispensabili ad integrare una ben magra dieta!».

L’area, compresa tra il bosco di Denora e contrada Alessandrelli, a cavallo della SP 160 per Matera, la cui suddivisione in poderi ricorda l’antica tecnica di Centuriazione utilizzata dai romani, è attraversata da una serie di piccoli tratturi interpoderali perfettamente allineati e paralleli con orientamento nord-sud, con i due centrali dritti come fusi e lunghi più di due chilometri.

«Nel complesso – conclude Diomede – rappresenta un colpo d’occhio eccezionale, insieme alla rete di muretti a secco che delimitano i lotti, i piccoli trulli, le cisterne, insomma un perfetto “ricamo o merletto murgiano”».

Il tracciato di circa 8 km si snoda lungo piste sterrate e tratturelli su murgia aspra, sassosa ed è abbastanza impegnativo e ricco di ripide salite da superare. Indispensabile l’uso di scarpe da trekking per la protezione delle caviglie, di cappellino, acqua e con l’indispensabile mascherina.

La partecipazione è sempre limitata ai primi 25 che prenoteranno con messaggio sulla pagina Facebook di Trekking Cassano, ricevendo conferma.

L’appuntamento è alle 8:00, presso il Liceo Scientifico di Cassano, per il successivo trasferimento in auto verso Santeramo ed il bosco Denora; si concluderà con il rientro, verso le ore 13:00 circa.

il percorso “Sara.54/b” dell’escursione di domenica 18 ottobre (foto Trekking Cassano)