fbpx

Trekking Cassano sotto le stelle tra i boschi di Mesola e Bellamia

il percorso “Sara.47/b” dell’escursione di sabato 1 agosto (foto Trekking Cassano)

Lo scorso week end il gruppo Trekking Cassano ha vissuto due giornate molto interessanti con altrettante escursioni nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia: la prima, in collaborazione con la Pro Loco di Toritto, tra Quasano, Lama della Città, il Bosco Comunale di Bitonto con la splendida Masseria Pietre Tagliate e lo Iazzo Don Ciccillo; la seconda, il recupero del tracciato sostituito per il maltempo del 5 luglio scorso, tra Mellitto, il Casino Maggi in stile pseudo-normanno, Parco Teresa (con un patriarca quercino di circa quattro secoli) ed il Bosco il Quarto.

Altrettanto interessante si prospetta il prossimo fine settimana: sabato 1 agosto, infatti, il gruppo sposta l’attenzione ad un’altra area boschiva a pochi chilometri da Cassano, più circoscritta ma non per questo di minore interesse, dove sono presenti molte delle nostre aziende agrituristiche che ne valorizzano i pregi.

«Il riferimento – scrive il coordinatore di Trekking Cassano, Nicola Diomede – è ai boschi di Mesola e Bellamia che rappresentano delle piccole oasi di notevole valenza naturalistica, ricchissime di specie della flora spontanea murgiana a testimonianza dell’antica copertura arborea sul nostro territorio. Ovunque, alle più comuni roverelle e lecci, si affiancano tantissime specie più rare e protette quali i fragni e le bellissime querce spinose (credo vegetino solo in areali limitati di Puglia e Basilicata, oltre che sui Balcani), insieme a fillirea, biancospino, terebinto, perastro, prugnolo, nespolo, rosa canina, ciliegio selvatico, fico.

Molte di queste piante, da molti disdegnate come infestanti, – continua Diomede – hanno anche interessanti qualità curative e, per fare solo qualche esempio se il Terebinto (Pistacia terebinthus) veniva utilizzato già dagli antichi Egizi è recente, la notizia dell’uso sperimentale del nostro comunissimo Prugnolo (Prunus spinosa) in un brevetto dell’ISS, dalla efficace azione anti tumorale».

Per sabato 1 agosto, dunque, Diomede ripropone un tracciato di circa 8 km, abbastanza agevole lungo sentieri e piste sterrate, attraverso l’area di Masseria Balestra, Bellamia, Lamia di Mesola ed il Parco dei Briganti.

Si consiglia dotarsi di scarpe da trekking, pantaloni lunghi, torcia e un po’ d’acqua.

Il punto di ritrovo, limitato ad un massimo di 25 partecipanti che dovranno prenotare la partecipazione con messaggio sull’evento Facebook (e che riceveranno conferma!) è sempre alle ore 19:00 presso il Liceo Scientifico a Cassano, per il successivo trasferimento in auto verso contrada Cristo-Fasano-Balestra per la partenza a piedi.

L’escursione si concluderà verso le ore 23:00 con il rientro.