fbpx

Usura: «prossima frontiera sostegno alle famiglie»

A Bari il sottosegretario all’Interno ha partecipato al convegno “Agire per la legalità – Usura ed estorsione: la risposta delle istituzioni”.

«L’allargamento alle famiglie dell’accesso al Fondo per le vittime di usura è un problema enorme. Purtroppo la legge su questo settore è molto carente e questo sarà oggetto di una analisi che abbiamo già messo sul tavolo e che avverrà in autunno. Quella è la grande frontiera perché li dovremo ragionare non solo attorno ad un sostegno economico, ma anche di tipo psicologico».  E’ quanto ha detto il sottosegretario all’Interno Luigi Gaetti, il 28 marzo al convegno a Bari “Agire per la legalità-Usura ed estorsione: la risposta delle istituzioni”. 

Il sottosegretario ha ricordato che il fondo è stato incrementato nell’ultima legge di stabilità di 10 milioni di euro «e questo è già un buon segnale di attenzione. Ora bisogna lavorare perché questi denari siano dati a chi ne ha veramente bisogno nei tempi più rapidi possibili, in modo tale da far sì che queste aziende in difficoltà possano rimettersi sul mercato».

Gaetti ha poi spiegato come si differenzia il fenomeno nel Paese: «Nel Sud prevale un discorso estorsivo e di usura più violento, al Nord invece prevale una usura più subdola, di tipo economico, con ditte che sono in difficoltà e non riescono ad accedere al credito, assumendo aspetti più sotterranei, da “colletti bianchi”, per certi versi più complessi da stanare». 

Fonte: Ministero dell’Interno