Nulla da fare per la Volley Cassano contro la capolista del Girone A di Serie D: in casa dell’ASEM Volley Bari, gli uomini di mister Masiello hanno perso per 3-0 nella partita valida per la 6ª giornata di campionato.

Contro una delle squadre che puntano al salto di categoria, le “tigri” devono rinunciare a Monfreda, fermato dall’influenza e sostituito in campo da Bruno.

È stata, tuttavia, una Volley Cassano che ha pagato le molte distrazioni arbitrali, che hanno sfavorito i cassanesi e hanno contribuito ad innervosirli. Embleatica, ad esempio, il cartellino rosso a capitan Ragucci dopo una serie di segnalazioni di falli di doppia sulle alzate e accompagnate, in realtà inesistenti.

La lettura e la valutazione del tocco di alzata da parte degli arbitri cambia da categoria a categoria e quest’anno, con il passaggio dalla Serie C alla Serie D, questo aspetto si fa sentire tutto e molte delle compagini che militano in questa categoria, come la Volley Cassano, sono costrette a subire questo abbassamento di livello di arbitraggio.

A parte le decisioni arbitrali, però, la Volley Cassano è stata molto discontinua e non è mai riuscita a prendere le redini dell’incontro, pagando situazioni di buio mentale che hanno consentito ai padroni di casa di imporsi, nei tre set, con i parziali di 25-19, 26-24 e 25-16.

Nonostante la sconfitta, la Volley Cassano mantiene il terzo posto in classifica, con 11 punti, a dimostrazione che, nella squadra, le potenzialità individuali sono tante e che le “tigri” devono essere più coscienti di quello che possono fare in campo e sfruttare quelle potenzialità per diventare protagonisti di ogni singola azione di gioco, delle gare e di conseguenza del campionato.

Campionato che torna sabato prossimo, 8 dicembre, e che vedrà la Volley Cassano impegnata nuovamente in trasferta, in casa della Pallavolo Gioia che, in classifica, ha 9 punti.

 

Tags: , , ,